Leggere e scrivere. Alfabetismo e scolarità nei documenti del Brefotrofio milanese
Flores Reggiani

Sabato 13 giugno 2015, ore 17
Archivio storico Brefotrofio, viale Piceno 60, Milano

L’assistenza alle bambine e ai bambini esposti ovvero ai minori che “nati da padri e madri sconosciuti, sono abbandonati in luogo qualunque ovvero sono portati nei luoghi pii destinati a riceverli” (1812) ha a Milano una remota tradizione. Le sue origini si fanno risalire al 787 e tra i suoi più generosi protagonisti annoveriamo prima l’Ospedale Maggiore (dal 1456) e poi l’ente Provincia (dal 1866).

L’edificio del nuovo brefotrofio di Viale Piceno (1912) conserva, nei suoi archivi, la memoria di questo percorso secolare, che ha visto mutare profondamente non solo i modi di intervento dell’istituto, ma anche l’appartenenza sociale e gli intenti dei genitori. I verbali d’ingresso, i messaggi e gli oggetti lasciati dai parenti tra i panni dei bambini e delle bambine, i registri di balia raccontano le vicende di questo grande impegno solidaristico, ma anche la vita quotidiana di decine di migliaia di persone: i minori assistiti, le loro famiglie, gli “allevatori” degli esposti.

L’incontro proposto ripercorre questa lunga storia, ricostruendola grazie a documenti originali, segnali d’esposizione e immagini d’epoca. Si sofferma, in particolare, sulle testimonianze scritte lasciate dai genitori (fino al 1868) e su quelle, successive, lasciate dagli assistiti che chiedevano per sé e per i loro affidatari la concessione del “premio di istruzione e buon allevamento”: rare testimonianze della diffusione della scrittura tra le classi popolari del passato.


Info e prenotazioni:
archivio.storico@cittametropolitana.milano.it; 02.77402790; www.brefotrofiodimilano.it

 

[media-downloader media_id=”2216″ texts=”Appuntamento”] progettato nell’ambito delle attività della commissione dedicata alla storia dell’assistenza di Milanosifastoria.