Sesto appuntamento del ciclo di visite guidate “Andar per porte. I Luoghi Pii elemosinieri nella memoria di Milano”
Visita guidata alle testimonianze dei Luoghi Pii Elemosinieri conservate in alcune chiese del sestiere di Porta Nuova, con la storica dell’arte Lara Barbieri

Sabato 18 luglio, ore 9.30
Ritrovo presso la chiesa di San Fedele

Dal Luogo pio di Loreto alla Porta Nuova
Un appassionante viaggio nel tempo sulle tracce lasciate nel tessuto urbano dalle antiche fondazioni caritative dedite fin dal Medioevo all’assistenza dei bisognosi e degli emarginati di cui l’ASP Golgi-Redaelli conserva l’eredità.

Una casa ubicata in contrada delle Case Rotte a Porta Nuova: fu questa la prima sede del Consorzio della Carità, sostenuto in origine dall’opera dei terziari francescani e passato, poi, alla gestione di dodici nobili cittadini laici scelti in rappresentanza di due per ciascun sestriere della città.
A poca distanza, altri due pia loca, sorti presso la chiesa di San Fedele, si occupavano dell’assistenza ai poveri vergognosi e ai carcerati della Malastalla.
L’itinerario si svolge partendo dalla chiesa dei gesuiti – splendido esempio di architettura riformata in ambito lombardo – attorno alla contrada in antico detta “dei Tre monasteri”, che all’epoca delle riforme accolse i cinque maggiori luoghi pii scampati alle soppressioni.
Passando accanto al Santuario di San Giuseppe, fulcro della devozione milanese al santo, dove si trovava il luogo pio omonimo, si giungerà infine sino agli archi di Porta Nuova, ultimo baluardo difensivo delle mura medievali che ancora conserva sulla fronte le sculture originarie.


La prenotazione è obbligatoria (posti limitati): offerta minima 7 euro.

Nel corso dell’itinerario sarà possibile visitare anche la Sacrestia e il Museo di San Fedele: biglietto di ingresso 2 euro.

Per informazioni e prenotazioni contattare la segreteria del Servizio Archivio e Beni Culturali dell’ASP Golgi-Redaelli
(tel. 02.72518271 – email: beniculturali@golgiredaelli.it).