Asili notturni Lorenzo e Teresa Sonzogno (1884 – 1938)

Esplora la quadreria degli Asili notturni

Il 1° novembre 1884, grazie alla generosità dell’editore Edoardo Sonzogno (Milano 1836-1920), si inauguravano a Milano gli Asili Notturni “Lorenzo e Teresa”, intitolati alla memoria dei genitori del benefattore, Lorenzo Sonzogno e Teresa Crespi. L’idea di realizzare il ricovero, nata nell’ambito dell’associazione filantropica d’ispirazione massonica Soccorso fraterno, offriva una riposta concreta al dilagante problema della mancanza di alloggi per le classi popolari: un fenomeno che si fece particolarmente preoccupante sullo scorcio del secolo, aggravato dall’afflusso in città di immigrati in cerca di lavoro. L’istituto aveva sede nel nuovo quartiere operaio di Porta Vittoria, in via Pasquale Sottocorno 26-28 (attuali 46-48), in due palazzine progettate – senza compenso – dallo stesso ingegner Luigi Mazzocchi che aveva progettato il quartiere.
Eretto in ente morale nel 1889, il ricovero era in grado di dare accoglienza a una sessantina di ospiti per ogni edificio. Allo scopo di migliorarne i servizi, nel 1899 fu dotato di uno “stabilimento docce”, costruito grazie a un lascito dell’industriale Ermenegildo Castiglioni (Milano 1812-1896) e gestito a spese del Comune. Le condizioni per l’ammissione all’Asilo erano lo stato di povertà e la mancanza d’abitazione. La permanenza, inizialmente fissata in tre notti, poteva essere aumentata in casi particolari ed era gratuita per gli individui assolutamente privi di disponibilità economiche, mentre era previsto il pagamento di un modesto contributo per gli altri.
Dopo la I guerra mondiale, le urgenze sociali sempre più pressanti indussero gli amministratori a promuovere un coordinamento con i Ricoveri notturni Levi e con il Ricovero di mendicità gestito dalla Congregazione di Carità: coordinamento che negli anni Trenta sarebbe stato imposto dal Regime tramite l’Ente Opere Assistenziali (EOA). La nascita dell’Eca – che subentrò alla Congregazione di Carità e all’EOA – ebbe ripercussioni importanti anche sulla vita dell’istituto: con il regio decreto del 27 dicembre 1938 gli Asili notturni “Lorenzo e Teresa Sonzogno”, unitamente al Ricovero notturno “Giuseppe Levi”, vennero infatti fusi nell’Ente Comunale di Assistenza, perdendo l’autonomia della quale avevano goduto per oltre mezzo secolo.

(da Guida dell’Archivio dei Luoghi Pii Elemosinieri di Milano, pp. 314-316)