Archivio Generale – Patrimonio attivo

Consistenza: 1518 buste
Estremi cronologici: 1207-1964
In questa parte dell’archivio sono raccolte le voci attive del bilancio dell’ente. I due titoli principali sono Acque e loro edifici e Beni stabili (a sua volta suddiviso nelle voci Case e Poderi), a cui seguoni alcuni titoli minori: Capitali, Censi e redditi, Decime, Fitti, Legati e prestazioni, Livelli, Piante e legnami, Precari e Proventi diversi.

1

Capitali (3 buste, 1834-1962)

In questa parte dell’archivio è raccolta la documentazione riguardante i capitali attivi posseduti dall’ente e costituiti prevalentemente da azioni, obbligazioni, titoli del debito pubblico, prestiti e mutui, in parte provenienti da legati e lasciti testamentari.
Il materiale è suddiviso nei titoli Capitali presso corpi, Capitali presso famiglie, Capitali presso privati, Effetti pubblici e industriali, Mutui attivi.

2

Censi e redditi (1 fascicolo, 1834-1934)

Questa voce comprende carte inerenti l’esazione e l’affrancazione di censi assentati sopra fondi in San Nazaro de’ Burgondi, Ferrera Erbognone, Castelnuovo Scrivia, Pinerolo e Milano.

3

Decime (1 fascicolo, 1844-1891)

In un unico fascicolo vengono conservate carte relative all’affrancazione, alla locazione e all’alienazione del diritto a decimare. La documentazione, costituita da copie ed estratti d’atti notarili, è ordinata alfabeticamente per località in cui l’ente aveva diritto ad esigere il tributo (Boldinasco, Cardano al Campo, Milano, Novate, Villapizzone).

4

Fitti (2 fascicoli, 1858-1944)

In questa sede sono raccolti copie ed estratti d’atti riguardanti fitti sopra stabili e acque di ragione dei Luoghi Pii Elemosinieri. Per quanto concerne il materiale relativo a fitti sopra stabili, si conserva solo copia di un atto d’affrancazione di un fitto sopra una casa in Moncucco (Vernate). Per quanto concerne invece i fitti sopra acque, la documentazione, più cospicua, è ordinata alfabeticamente per località.

5

Legati e prestazioni (1 busta, 1836-1922)

Sono qui conservate note contabili, copie ed estratti d’atti notarili riguardanti prevalentemente l’assunzione dell’obbligo di pagamento e l’affrancazione di legati e prestazioni dovuti ai Luoghi Pii Elemosinieri.

6

Livelli (2 buste, 1533-1959)

In questa parte dell’archivio sono conservati estratti e copie d’atti notarili riguardanti la ricognizione e l’affrancazione di livelli assentati sopra stabili e fondi di diretto dominio dell’ente e provenienti in prevalenza dal patrimonio degli antichi luogi pii concentrati. La documentazione è ordinata alfabeticamente per nome di località e, nel solo caso di Milano, per via.

7

Piante e legnami (10 buste, 1941-1963)

Si trovano qui carte relative al taglio di piante da destinare a legna da ardere e in particolare provvedimenti per il conferimento all’ammasso di legname ricavato su poderi dell’Eca al fine di sopperire alle emergenze prodottesi negli anni della Seconda guerra mondiale (Regio Decreto 10 ottobre 1941, n. 1184), distinte con stime di piante da abbattere, libretti di carico e scarico. Distinte e libretti sono raccolti in ordine alfabetico per nome del podere.

8

Precari (1 fascicolo, 1945-1955)

Sono qui conservati due rimandi e un rapporto della Segreteria amministrativa dell’Eca relativo al controllo delle concessioni precarie sopra rogge e cavi dell’ente.

9

Proventi diversi (2 buste, 1916-1963)

Queste carte testimoniano l’attività svolta dalla Congregazione di Carità prima e dall’Eca poi per il reperimento di fondi a sostegno delle proprie attività assistenziali. Esse vanno dalla semplice raccolta di oblazioni presso privati ad originali iniziative quali la gestione di alcuni spazi pubblicitari per conto del Comune di Milano e l’organizzazione di manifestazioni culturali e sportive.