Consorzio della Misericordia

Il Consorzio della Misericordia conservava una cospicua galleria di ritratti di alcuni dei suoi benefattori maggiormente generosi.

Il nucleo più significativo è quello composto dai sei ritratti eseguiti da Agostino Santagostino su commissione dello stesso luogo pio tra il 1679 e il 1681: Ippolita Bossi Rozzoni, Giovanni Del Conte, Balzarino Pusterla, Virginia Spinola Corio, Bernardino Busti e Ambrogio Griffi. Si tratta di una serie di effigi “storiche”, di personaggi importanti per la storia del Luogo pio vissuti in epoche lontane, ricostruiti valendosi dei prototipi e dei modelli più disparati.

Si può ipotizzare che in quel momento la sede del luogo pio – che dal 1377 era un ampio caseggiato situato in contrada Solata, oggi via Broletto – conservasse i ritratti di altri benefattori, come per esempio quelli di Alessandro Moriggia, Francesco Castiglioni e Angela Zanatta Cotta, ai quali si aggiunsero in seguito, con il lascito di Giovanni Battista Bianconi, tre ritratti della famiglia Verdesio.

Alessandro Moriggia
Pittore lombardo, Ritratto di Alessandro Moriggia, 1628 circa
Francesco Bernardino Castiglioni
Pittore lombardo, Ritratto di Francesco Bernardino Castiglioni, 1662 circa
Angela Zanatta Cotta
Pittore lombardo, Ritratto di Angela Zanatta Cotta, 1669 circa
Paolo Camillo D'Adda
Carlo Antonio Zucchi, Ritratto di Paolo Camillo D’Adda, 1713
Maria Assunta e Angeli
Pittore lombardo, Maria Assunta e Angeli, inizio del XVIII secolo (eredità Paolo Camillo D’Adda, 1713)
Marco Aurelio Verdesio da laico
Pittore lombardo, Ritratto di Marco Aurelio Verdesio da laico, 1668 (eredità Giovanni Battista Bianconi, 1731)
Marco Aurelio Verdesio da carmelitano
Pittore lombardo, Ritratto di Marco Aurelio Verdesio da carmelitano, 1670 circa (eredità Giovanni Battista Bianconi, 1731)
Giorgio Verdesio
Pittore lombardo, Ritratto di Giorgio Verdesio, 1671 (eredità Giovanni Battista Bianconi,1731)
Giovanni Battista Bianconi
Pittore lombardo, Ritratto di Giovanni Battista Bianconi, 1732